WhatsApp ottiene voti bassi per la privacy nel rapporto EFF

[ware_item id=33][/ware_item]

whatsapp non riesce con il rapporto sulla privacy


Se il governo bussasse alla porta digitale di WhatsApp e chiedesse la cronologia dei messaggi, sarebbe conforme? WhatsApp avrebbe richiesto un mandato prima di consegnarlo? Saresti anche avvisato? Se sei uno degli 800 milioni di utenti attivi di WhatsApp, probabilmente ti piacerebbe conoscere le risposte a queste domande. Ma secondo la Electronic Frontier Foundation, WhatsApp ha rifiutato di rispondere a nessuno di essi.

Chi ha le spalle?

Il rapporto 2015 di Who's Got Your Back del FEP ha valutato 24 aziende tecnologiche per il loro impegno a proteggere i dati degli utenti dalle intrusioni governative. Aziende come Apple, Dropbox e Yahoo hanno ricevuto 5 stelle su 5, mentre WhatsApp e AT&T ha ricevuto le valutazioni più basse del gruppo con solo 1 stella ciascuna (anche interessante: Google e Microsoft hanno valutato solo 3 stelle su 5). La stella solitaria di WhatsApp era per la sua politica pubblica pro-utente, guadagnata quando la sua casa madre Facebook firmò una lettera di coalizione dell'Open Technology Institute per suo conto.

Ecco come WhatsApp fallisce i suoi utenti, secondo la recensione:

  1. Non richiede warrant pubblici prima di presentare richieste di dati.
  2. Non promette un preavviso prima delle indagini del governo.
  3. Non pubblica la sua politica sulla conservazione dei dati e il contenuto eliminato.

Ciò è in contrasto con una dichiarazione pro-privacy rilasciata dal blog ufficiale di WhatsApp che ha tentato di mitigare le preoccupazioni sulla privacy degli utenti quando l'app è stata acquisita da Facebook l'anno scorso. Anche se questo è il primo anno in cui WhatsApp è stato valutato, EFF sostiene che WhatsApp ha ricevuto un avviso di un anno intero per conformarsi alle migliori pratiche del settore e non ha ancora adottato nessuno di essi.

Non solo un problema politico

È importante ricordare che queste classificazioni si applicano solo alle azioni di un'organizzazione contro ipotetiche richieste di dati da parte del governo, non contro difetti di sicurezza nel software stesso. Ma anche lì WhatsApp si è dimostrato vulnerabile. All'inizio di quest'anno, uno sviluppatore olandese ha rivelato che le informazioni personali degli utenti di WhatsApp potevano essere facilmente accessibili con un kit software, consentendo ai potenziali stalker di accedere alle foto del profilo e ai messaggi di stato anche se impostato su "privato". Gli utenti di WhatsApp dovrebbero anche essere consapevoli degli inviti malevoli a scaricare versioni false dell'applicazione desktop che installano malware sul tuo computer.

Allora qual è l'alternativa? Esistono molte altre app di messaggistica con un track record più sicuro, la più popolare delle quali è Telegram, che è basato su cloud e offre una crittografia maggiore rispetto a WhatsApp. Telegram offre anche una modalità di messaggistica autodistruttiva a tempo (simile a SnapChat) e un premio di $ 300.000 a chiunque sia in grado di decifrare la sua crittografia. Se tu (e gli amici con cui chatti) apprezzi la privacy, vota con il tuo portafoglio (beh, la maggior parte di queste app di chat sono gratuite ma sai cosa intendiamo) e supporti software che supporta la tua privacy.

Ulteriori letture

  • App di chat crittografate: dai loro niente di cui parlare
  • App di chat crittografate, Secondo round: parlare costa poco
WhatsApp ottiene voti bassi per la privacy nel rapporto EFF
admin Author
Sorry! The Author has not filled his profile.