La Francia offre addio a Google a favore di un motore di ricerca più privato

[ware_item id=33][/ware_item]

La Francia sta abbandonando Google


Mentre il governo degli Stati Uniti sta lavorando per rafforzare la propria presa sulla privacy personale dei cittadini, i nuovi regolamenti politici europei sperano di fare il contrario.

Il mese scorso, l'Assemblea nazionale francese ha annunciato che non avrebbero più utilizzato Google. Invece, tutti i dispositivi del governo francese adotteranno presto Qwant incentrato sulla privacy come motore di ricerca predefinito.

Preoccupati del fatto che si stessero aprendo a troppa sorveglianza esterna, il governo francese sta effettuando il passaggio nel tentativo di proteggere la loro privacy (e dispositivi) dalle politiche di Google, e, inevitabilmente, del governo degli Stati Uniti, complete di conservazione dei dati.

Florian Bachelier, membro della task force francese sulla cibersicurezza e sovranità digitale, ha invitato i membri del suo partito a prendere una posizione. "Dobbiamo dare l'esempio", ha detto Bachelier. "La sicurezza e la sovranità digitale sono in gioco qui, il che è tutt'altro che un problema solo per i geek."

Che cos'è Qwant?

Fondato nel 2013, Qwant è un motore di ricerca crittografato che funziona allo stesso modo di Google ma non conserva i registri. Il motore di ricerca indipendente pone una forte enfasi sulla privacy degli utenti e, a sua volta, è cresciuto esponenzialmente.

Caro @tim_cook, finché non scegli un motore di ricerca che rispetti veramente la privacy dei tuoi utenti, non sarai mai in grado di proteggerli. Https: //t.co/8kxYdVnoye

- Qwant (@QwantCom) 19 novembre 2018

In effetti, con una media stimata di 21 milioni di ricerche mensili, Qwant ha più che raddoppiato il suo traffico in un solo anno. Tieni presente, tuttavia, che Google fa una media di circa 3,5 miliardi di ricerche al giorno.

Francia e Silicon Valley: una relazione travagliata

Mentre la Silicon Valley e il governo francese sono in condizioni traballanti da alcuni anni, la decisione di tagliare Google deriva presumibilmente dalle perdite della NSA di Edward Snowden nel 2013, in particolare dal fatto che la NSA ha spiato attivamente governi stranieri.

Non è la prima volta che la Francia e la Silicon Valley si scontrano; lo scorso luglio, la Commissione europea ha multato con successo Google per 8,3 miliardi di euro per aver costretto le aziende a preinstallare il software Google nelle loro app Android. E l'ultima legislazione di sorveglianza, il CLOUD Act, che prevede la carta bianca degli Stati Uniti per raccogliere e monitorare i dati delle aziende americane all'estero, è stata accolta con pari misura critica e disprezzo.

In una recente conferenza, il presidente francese Macron ha parlato della limitazione del potere all'estero della Silicon Valley. "Se non regoliamo Internet", ha affermato Macron, "il rischio è di sconvolgere i fondamenti della democrazia".

Temendo che la Francia potrebbe presto essere per il capriccio delle leggi americane sulla conservazione dei dati, questa spinta a far cadere Google a favore di un motore di ricerca privato potrebbe avere ripercussioni radicali.

Quali informazioni raccoglie Google?

In quanto motore di ricerca più grande del mondo, Google probabilmente conosce più te e i tuoi amici più cari. Dai dettagli facilmente ricercabili come i tuoi metadati (inclusi nome da nubile, cognome, familiari, luoghi di residenza, ecc.) A dati più dettagliati come la cronologia del browser, i contatti, gli annunci con cui hai interagito, gli aggiornamenti sui social media e altro ancora, Google mantiene registrazioni dettagliate di tutto ciò che fai online.

Google non è nemmeno timido riguardo alle informazioni che raccolgono. Secondo i loro termini di servizio, raccolgono e analizzano i tuoi metadati per mostrarti annunci più mirati e migliorare la tua esperienza online. E in alcuni casi, anche le tue chiamate potrebbero essere registrate.

Se sei curioso di vedere quali informazioni Google sta raccogliendo, puoi scaricare l'intera cronologia di Google seguendo questa guida. Puoi anche verificare come Google personalizza i tuoi annunci e modificare le tue impostazioni qui.

I motori di ricerca privati ​​sono in aumento e non solo in Francia

Google potrebbe essere ancora il re indiscusso dei motori di ricerca, ma i concorrenti stanno finalmente iniziando a recuperare. Negli Stati Uniti, DuckDuckGo è probabilmente il motore di ricerca privato più popolare, con circa 30 milioni di ricerche al giorno. In Germania, la Pagina iniziale sta rapidamente diventando il motore di ricerca del Paese e in Svizzera SwissCows è più popolare che mai.

La maggior parte di questi motori di ricerca privati ​​promettono più o meno gli stessi risultati di Google ma senza alcun bagaglio aggiunto. Il tracciamento della posizione e gli annunci sono spesso opzionali e i risultati filtrati appartengono al passato.

Alcuni di questi motori di ricerca si basano effettivamente sulle donazioni degli utenti anziché sulla pubblicità di terze parti, il che significa che gli utenti non dovranno mettere in discussione quando o perché la pagina di una società è più alta di altre.

L'importanza di utilizzare un motore di ricerca privato

Quando si tratta di navigazione privata, è fondamentale sfruttare un motore di ricerca senza log. ExpressVPN ha scritto su DuckDuckGo e StartPage in passato. Abbiamo persino classificato alcuni dei browser Web più popolari in termini di privacy.

Mentre una VPN è ancora la tua arma di fatto da mantenere nel tuo arsenale per la privacy, l'utilizzo di un motore di ricerca privato è un altro modo per rafforzare il tuo anonimato e ridurre la tua impronta digitale.

Se non lo hai già fatto, prova a provare uno di questi motori di ricerca alternativi:

  • Qwant
  • DuckDuckGo
  • Pagina iniziale
  • SwissCows
  • Cerca Crittografa
  • Disconnetti Cerca
La Francia offre addio a Google a favore di un motore di ricerca più privato
admin Author
Sorry! The Author has not filled his profile.