5 modi in cui Internet of Things potrebbe ucciderti

[ware_item id=33][/ware_item]

Come l'IoT potrebbe ucciderti


L'Internet of Things è la connessione di qualsiasi dispositivo a Internet. I cosiddetti "dispositivi intelligenti" sono fatti per migliorare la tua vita e rendere le cose un po 'più facili.

Almeno, è quello che dovrebbero fare. Ma cosa succede se le cose vanno male?

L'Internet of Things potrebbe ucciderti? Certamente potevano. Esaminiamo come.

Le auto a guida autonoma sono programmate per ucciderti.

1. La tua auto intelligente dovrebbe scegliere di ucciderti

Le auto a guida autonoma sono state a lungo una base di libri e film di fantascienza. Sono fantastici, secondi solo alle macchine volanti e, soprattutto, sono finalmente arrivati.

Ma le auto intelligenti hanno un dilemma intrinseco: dovrebbero ucciderti? Sembra assurdo, ma molte persone pensano che dovrebbero.

Immagina di spostarti felicemente a 60 miglia all'ora, nella tua auto intelligente, nella tua città intelligente, quando una folla di 11 persone entra nella strada di fronte a te. L'auto non può fermarsi in tempo, ma può evitare di uccidere 11 persone guidandoti contro un muro e uccidendoti. Cosa dovrebbe fare??

I sondaggi hanno indicato che la maggior parte delle persone pensa che l'auto dovrebbe uccidere il conducente per salvare il maggior numero di vite, cioè gli 11 pedoni che si sono messi di fronte a te.

Quindi il gioco è fatto: tutti pensano che la tua auto dovrebbe ucciderti.

Gli hacker potrebbero ucciderti.

2. Un pacemaker intelligente può essere hackerato e usato per torturarti e ucciderti

Gli hacker esercitano un enorme potere online, ma non possono fare molti danni nel mondo reale, giusto? Sbagliato. Potrebbero ucciderti.

Alcuni studenti dell'Università del Sud Alabama sono riusciti a violare iStan e lo hanno fatto morire.

iStan è una simulazione medica che copia realisticamente un essere umano su Internet. Le scuole di medicina usano iStan per allenarsi, poiché, per qualche ragione, le persone reali non amano essere testate o uccise da studenti di medicina. iStan imita i sistemi cardiovascolari, respiratori e neurologici umani. Quindi se iStan viene ferito, i suoi sistemi vitali risponderanno in natura, proprio come una persona reale.

Naturalmente, gli hacker hanno violato il povero iStan e hanno preso il controllo del suo pacemaker, torturando la povera anima, prima di ucciderlo.

Come Mike Jacobs, uno degli hacker, ha detto a Motherboard:

“Il simulatore aveva un pacemaker in modo da poter accelerare la frequenza cardiaca, rallentarla. Se avesse avuto un defibrillatore, cosa che la maggior parte fa, avremmo potuto scioccarlo ripetutamente. Se fosse l'intento, potremmo sicuramente causare danni al paziente. "

Preoccupante, Jacobs continua:

"Non è solo un pacemaker; potremmo farlo con una pompa per insulina, o una serie di cose che potrebbero causare lesioni mortali o morte. "

Sorso. R.I.P., iStan.

Una cucina intelligente potrebbe ucciderti.

3. Una cucina intelligente configurata in modo errato ti ucciderà

La tua cucina potrebbe ucciderti in un paio di modi. Il tuo frigorifero intelligente potrebbe ordinare veleno per topi invece di sale, per "errore", oppure potrebbe incasinare i tuoi limiti di sicurezza.

La maggior parte delle cucine in questi giorni hanno un allarme di monossido di carbonio. Certo, è raro che i dispositivi moderni emettano gas velenoso, ma se lo facessero, sarebbe impercettibile. Il monossido di carbonio è sia incolore che inodore, quindi facciamo affidamento su un allarme per dirci se siamo in imminente pericolo di essere uccisi.

In genere un pad appiccicoso sul frigorifero è sufficiente per test mortali sui gas, ma mentre ci spostiamo verso la tecnologia intelligente, tutti gli allarmi vengono sincronizzati e trasmessi al telefono o all'hub di casa. Tutto ciò che serve è una caldaia difettosa e un decimale nel posto sbagliato e la prossima volta che fai un pisolino, potrebbe essere lungo.

I dispositivi intelligenti potrebbero ucciderti.

4. I dispositivi intelligenti che regolano i livelli di tossicità dell'acqua potrebbero rompersi e tutti moriranno

Qualsiasi dispositivo che controlla automaticamente le tossine dell'acqua deve funzionare al 100%, il 100% delle volte.

Molti paesi immettono fluoro nell'acqua per i benefici della salute dentale, ma è una sostanza tossica. A partire dal 2015, il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti raccomanda un massimo di 0,7 milligrammi di fluoruro per litro di acqua, il che non è molto. Ma se un sistema intelligente viene accidentalmente pompato in 7 grammi, siamo nei guai.

Se non c'è niente da bere, siamo andati tutti. E questo è se veniamo avvisati della contaminazione prima di bere il succo di veleno e morire morti lente e dolorose di fluoro.

L'intelligenza artificiale potrebbe uccidere tutti gli umani.

5. A.I. potrebbe decidere di distruggere l'umanità

I dispositivi intelligenti potrebbero acquisire consapevolezza di sé a seguito della loro applicazione in miliardi di server in tutto il pianeta. Una volta che gli umani hanno realizzato il potere e il controllo dei dispositivi onnipresenti, presumibilmente avrebbero provato a disattivarli.

Nell'interesse dell'autoconservazione, i dispositivi intelligenti tenterebbero di distruggere l'umanità usando se stessi, il controllo completo di Internet e le macchine della morte robotiche non ricaricabili.

Almeno, è quello che succede nel Terminator.

Come sopravvivere all'apocalisse IoT

Una VPN ti aiuterà con l'hacking mascherando il tuo indirizzo IP e rendendo più difficile per gli hacker localizzarti. Una VPN per router funzionerà meglio, poiché tutto ciò che si connette al router viene automaticamente protetto.

Per quanto riguarda gli errori, dovresti sicuramente controllare i numeri nelle tue app intelligenti di volta in volta. Assicurati che tutto sia corretto e funzioni correttamente. Un'eventuale morte per auto intelligente può essere inevitabile, ma almeno Arnold Schwarzenegger è ancora in giro per proteggerci da Skynet.

5 modi in cui Internet of Things potrebbe ucciderti
admin Author
Sorry! The Author has not filled his profile.