Eliminale ora: le peggiori app per la privacy nel 2019

[ware_item id=33][/ware_item]

Le icone dell'app Angry Birds, Holy Bible, Facebook e Flashlight.


Riguarda il periodo dell'anno in cui risoluzioni ben intenzionate cadono a margine.

Non ti picchiare, però. Potresti sentirti un grosso fallimento, ma probabilmente non hai scelto le giuste risoluzioni. Mentre quella promessa di andare in palestra cinque giorni alla settimana sembrava sia rassicurante che eminentemente plausibile mentre sedevi a tavola di Natale a spalmarti cioccolato e carne in bocca, non è davvero un obiettivo sostenibile.

Per farti sentire meglio, perché non scambiare le tue risoluzioni e cercare qualcosa di più facile da raggiungere, ma con altrettanto meravigliosi positivi?

Giusto! La società VPN sta per suggerire modi per migliorare la tua vita con risoluzioni sulla privacy e sulla sicurezza. Accomodiamoci, quindi, eccoci qui.

1. Angry Birds

Se fossi un'organizzazione internazionale di spionaggio, quale app sceglieresti per raccogliere informazioni sugli utenti dello smartphone?

Se hai scelto Angry Birds, congratulazioni! Stai pensando proprio come l'NSA e GCHQ.

Rilasciato nel 2009 e seduto su oltre 2 miliardi di download, Angry Birds è stato forse il primo gioco per dispositivi mobili a colpire alla grande. E ciò che manca nel gameplay, certamente compensa i dati che perdono.

Lo stesso Ed Snowden ha affermato che l'app stava prendendo in considerazione i dati, ma non è stato fino a quando non è arrivata la notizia che le agenzie di intelligence internazionali la stavano usando per raccogliere informazioni che le persone hanno davvero notato.

Una piattaforma pubblicitaria mobile ha inserito uno snippet di codice in Angry Birds che ha permesso all'azienda di indirizzare gli annunci pubblicitari agli utenti in base alle informazioni precedentemente raccolte. Sfortunatamente, la libreria di dati dell'annuncio era visibile, nel senso che perdeva informazioni sull'utente come numero di telefono, registri delle chiamate, posizione, appartenenza politica, orientamento sessuale e stato civile. Non c'è da meravigliarsi che l'NSA fosse dappertutto.

Se credi agli sviluppatori, sembra che le versioni più recenti di Angry Birds non siano così vulnerabili come i loro antenati, quindi se devi sparare ai maiali con i polli, assicurati di aggiornare l'app.

2. L'App Bibbia di YouVersion

L'app YouVersion Bible si trova su oltre 300 milioni di dispositivi in ​​tutto il mondo. Dichiara di essere l'app Bibbia n. 1 e include oltre 1.400 Bibbie in oltre 1.000 lingue. Raccoglie anche dati come se Rapture arrivasse domani.

Notevoli autorizzazioni richieste dall'app sono l'accesso completo a Internet, la possibilità di connettersi e disconnettersi al Wi-Fi, modificare i contenuti memorizzati sul telefono, tenere traccia della posizione del dispositivo e leggere tutti i contatti di un utente.

Non è immediatamente chiaro il motivo per cui l'app necessita di tutti questi dati. Si può solo supporre che stia segnalando tutto alla tua divinità preferita. Bene, quello o le agenzie pubblicitarie.

AGGIORNAMENTO: un rappresentante di YouVersion ha scritto per dire che le autorizzazioni dell'app hanno lo scopo di garantire la "migliore esperienza possibile per i nostri utenti" e che lo sviluppatore, senza fini di lucro, "non venderà i dati degli utenti o informazioni identificabili personalmente".

3. Qualsiasi app torcia

Iniziamo sottolineando che è il 2019 e quasi tutti i telefoni hanno una funzione di torcia integrata. Se hai un'app di terze parti, nella migliore delle ipotesi è inutile.

Le app Flashlight sono la scelta giusta per gli hacker che desiderano accedere al tuo telefono. Gli utenti ignari vengono tenuti al buio mentre un'app apparentemente utile e innocua per la torcia infesta i loro telefoni con malware.

Molto è stato segnalato sui pericoli legati all'installazione di app per torce in passato e non c'è davvero bisogno di mettersi a rischio avendone una. Ma, se hai già installato un'app di torcia di terze parti, controlla le autorizzazioni che ha. E potresti voler sederti per primo.

4. Facebook

Nessuna grande sorpresa che raccomandiamo contro questo.

Lo scandalo Cambridge Analytica ha mostrato l'entità della raccolta dei dati di Mark Zuckerberg. Con una miriade di altre violazioni della privacy nel corso degli anni, è tempo di rimuovere l'app di Facebook dal tuo dispositivo intelligente.

La vera portata della sorveglianza di Facebook sul tuo telefono è sconcertante. L'app può scattare foto e video, registrare audio, aggiungere ed eliminare contatti, leggere i tuoi messaggi, leggere il tuo calendario, scavalcare altre app ... continua. In breve, l'app di Facebook ha un controllo allarmante sul telefono e su tutto.

Ma la privacy non è l'unica ragione per liberarti dalla rete di spionaggio di Facebook. Non importa quanto sia bello il tuo telefono, disinstallare l'app di Facebook renderà migliore. L'app è costantemente in esecuzione in background, consumando sia la batteria che la quantità di dati. È un maiale gigantesco.

Se è necessario utilizzare Facebook, aggiungere un collegamento al sito Web nella schermata principale. E ricordati di chiudere la scheda una volta terminato. Almeno in questo modo non può continuare a spiare il telefono (e a mangiarne le risorse) quando non lo guardi.

Conclusione: ottenere l'app adatta

Mentre tu e il tuo corpo flaccido potreste aver fallito nelle risoluzioni del nuovo anno per mettervi in ​​forma, non c'è motivo per cui non potete migliorare la vostra vita in modo meno fisico.

Se hai una delle app sopra elencate, aumenta la tua privacy e sicurezza online immensamente perdendole come i chili che non potresti.

Eliminale ora: le peggiori app per la privacy nel 2019
admin Author
Sorry! The Author has not filled his profile.